La chirurgia delle orecchie, definita otoplastica, permette di correggere difetti estetici delle orecchie, migliorandone forma e posizione. L'operazione è spesso consigliata, oltre che agli adulti, anche ai bambini già dall'età di 5-6 anni, per correggere comuni difetti cartilaginei come le “orecchie a sventola”.

QUANDO SOTTOPORSI ALL’INTERVENTO

Orecchie troppo grandi, con forma e risvolti irregolari possono spesso rappresentare per chi ne è affetto, un fastidioso problema estetico. Difetti di questo tipo sono purtroppo, e per fortuna, risolvibili solo ricorrendo alla chirurgia plastica con l’operazione di otoplasticaL’intervento in questione, è consigliato per correggere qualsiasi difetto congenito del padiglione auricolare e può essere svolto su pazienti anche di età inferiore ai 10 anni.

PER ELIMINARE QUALSIASI DIFETTO AURICOLARE

L’otoplastica è in grado di correggere molti difetti dello scheletro cartilagine auricolare senza il rischi di lasciare segni evidenti per l’utilizzo del bisturi. In particolare:

  •  orecchie troppo esposte (orecchie a sventola)
  •  troppo grandi
  •  asimmetria del padiglione oculare
  •  sporgenza della parte superiore delle orecchie
  •  orecchie con forma innaturale

COME SI SVOLGE L’OTOPLASTICA

L'operazione delle orecchie è condotta in anestesia locale con associata sedazione o, se opportuno, in anestesia generale. Il chirurgo lavora sulla struttura cartilaginea delle orecchie rimuovendo la cute e la cartilagine in eccesso, attraverso piccole incisioni praticate nella parte posteriore delle orecchie. Le cicatrici, non saranno dunque visibili. L’operazione può durare al massimo un’ora. Ovviamente le tecniche chirurgiche alle quali si ricorre per questo intervento, variano in base alle richieste del paziente e allo specifico problema estetico da correggere. Inoltre è consentito, al termine dell’otoplastica, ritornare subito a casa senza necessariamente scegliete il ricovero. Quest’ultimo è però consigliato in caso di pazienti minorenni.

FASE POST-OPERATORIA

Per proteggere la zona sottoposta all’intervento, il chirurgo applica sulle orecchie cerotti chirurgici e un bendaggio elastico che verranno rimossi dopo circa cinque giorni. È indicato per la prima settimana post-operatoria, non svolgere attività stancanti ed evitare di indossare occhiali, o qualsiasi cosa che possa far peso sulle orecchie.

EVENTUALI RISCHI

Grazie alle attuali tecniche chirurgiche, i rischi legati alla otoplastica sono pochissimi e per lo più dovuti esclusivamente ad incompetenza medica. Dopo l’intervento si consiglia la somministrazione di antibiotici e perciò i rischi di infezione sono pressoché nulli. In caso invece di asimmetria delle orecchie, si può ricorrere ad un ulteriore intervento correttivo.

 

Nel centro di chirurgia estetica Firenze del Medico Roberto Bertoloni, per l'intervento di otoplastica vengono utilizzati esclusivamente materiale certificato, garantendo al futuro paziente che ci si sottopone la massima tranquillità e trasparenza.

 

Dott. Roberto Bertoloni