L’intervento di mentoplastica ha lo scopo di rimodellare il mento, ridefinendone forma e grandezza grazie all’ausilio, o meno, di protesi.

L’operazione permette di intervenire sia in caso di mento piccolo ed arretrato che in caso di mento asimmetrico e dalle dimensioni troppo grandi. Per tali ragioni si usa parlare di mentoplastica additiva e riduttiva.

I VANTAGGI DELL’INTERVENTO

Un mento dalla forma e grandezza inconsueta può produrre un’anti-esteticità generale del profilo del viso e rappresentare in alcuni casi un reale problema di sicurezza personale. Grazie all’intervento di mentoplastica, il paziente potrà cambiare la struttura del proprio mento ottenendo una forma del viso più lodevole e intrigante. Spesso per un risultato più soddisfacente, questa operazione è abbinata ad una rinoplastica o cheiloplastica costituendo così il complesso degli interventi di profiloplastica.

L’operazione al mento è consigliata in caso di:

  • Mento arretrato
  • Mento grande e sporgente
  • Mento asimmetrico
  • Mento piccolo
  • Correzione del profilo del viso

COME SI SVOLGE L’INTERVENTO

L’operazione di mentoplastica è svolta in anestesia locale più una particolare sedazione e ha una durata media di 50 minuti. In base alla struttura del mento del paziente sono previste due diverse tecniche di intervento.

Mentoplastica riduttiva; per la riduzione del mento si procede col praticare incisioni all’interno della bocca e con l’aiuto di una piccola fresa, collegata al un particolare micromotore, si rimodella la struttura ossea secondo le proporzioni generali del viso e le richieste del paziente. Terminata la riduzione del mento si richiude l’incisione con punti di sutura e si applica una ulteriore medicazione esterna per sostenere la zona operata.

Mentoplastica additiva; nel caso della mentoplastica additiva, si ricorre all’utilizzo di protesi siliconate. Come per l’intervento di riduzione, si praticano incisioni all’interno della cavità orale; quindi si inseriscono le strutture di silicone di sostegno che correttamente posizionate andranno a ridisegnare il profilo del viso, in sostituzione di un mento poco evidente. Anche in questo caso, si applicherà una ulteriore medicazione esterna di sostegno.

POST-INTERVENTO

Dopo l’operazione di mentoplastica, è consigliato al paziente restare a riposo ed evitare l’esposizione al sole. La medicazione compressiva verrà rimossa dopo circa tre giorni, mentre per i punti si attenderà almeno una settimana.I risultati dell’intervento saranno visibili, in buona parte, dopo la rimozione della prima medicazione e non ci sarà bisogno di ulteriori trattamenti né interventi.

RISCHI

L’intervento presenta piccoli rischi che possono riguardare la sensibilità delle cute e l’utilizzo delle protesi. Per questo motivo una visita pre-operatoria ed esami specifici sono importanti per verificare la condizione di salute del paziente. Se l’operazione non soddisfa le aspettative, sarà necessario un secondo intervento per la rimozione delle protesi o, in caso di mentoplastica riduttiva, introduzione di nuovi elementi siliconati o ulteriore rimodellamento osseo.

 

Nel centro di chirurgia estetica Firenze del Medico Roberto Bertoloni, per l'intervento di mentoplastica vengono utilizzati esclusivamente materiale certificato, garantendo al futuro paziente che ci si sottopone la massima tranquillità e trasparenza.

 

 

Dott. Roberto Bertoloni